Se hai un’azienda o sei un libero professionista avrai sicuramente sentito parlare dell’obbligo che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2019: la fatturazione elettronica tra privati. Rendendo obbligatoria la fatturazione elettronica tra privati, l’Agenzia delle Entrate e il Governo mirano a ridurre sensibilmente l’evasione fiscale e a semplificare i passaggi fiscali per le Aziende. Il fine della digitalizzazione mira a rendere autentica l’origine della fattura, assicurare l’integrità del contenuto e la leggibilità della stessa dal momento di emissione della fattura fino al termine del suo periodo di conservazione.

Funzionamento della fatturazione elettronica

Si tratta di una normale fattura che regola scambi commerciali tra imprese e professionisti, e che viene emessa, ricevuta, firmata e conservata in maniera digitale. La fattura viene emessa da un professionista o un’impresa e viene trasmessa a un altro professionista o a un’altra impresa, o viceversa. Facciamo una breve distinzione per chiarire eventuali dubbi:

si parla di fatturazione elettronica B2B (Business to Business) nel caso in cui sia chi emette sia chi riceve la fattura siano operatori economici, cioè che possiedono un numero di partita IVA;
si parla di fatturazione elettronica B2C (Business to Consumer), invece, nel caso in cui chi emette la fattura è un operatore economico (ad esempio una ditta individuale, una società di persone o capitali nei diversi tipi previsti dalle norme) e chi la riceve è un comune cittadino privo di numero di partita IVA.

Che ruolo ha l’Agenzia delle Entrate?

L’Agenzia delle Entrate è l’ente preposto alla gestione del SdI, ovvero il Sistema di Interscambio, un sistema informatico in grado di ricevere le fatture elettroniche, controllarle e inoltrarle direttamente agli enti destinatari (nel caso di fatturazione tra privati ad altre aziende od operatori economici).
Infatti, grazie al coordinamento col sistema informatico della fiscalità e a una gestione dei dati e delle informazioni che transitano sul SdI, il processo di fatturazione risulta notevolmente semplificato per aziende e liberi professionisti.

Semplificare, semplificare, semplificare!

La fatturazione elettronica tra privati consente di semplificare e velocizzare notevolmente le tempistiche in caso di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.
Prova a immaginarti il caso in cui, durante una normale giornata lavorativa, arrivi un controllo da parte della Agenzia delle Entrate e sia necessario risalire ad alcune fatture cartacee. Le tempistiche per rispondere a tale richiesta sarebbero sicuramente più lunghe e scomode rispetto al controllo automatico che avviene online in caso di una fattura emessa elettronicamente.
Non dovrai più preoccuparti, quindi, di archiviare le fatture in grossi faldoni, perdere tempo prezioso in caso di controlli o trovarti in una situazione di forte stress. Grazie alla fatturazione elettronica l’Agenzia delle Entrate potrà consultare con facilità la tua situazione aziendale, rendendo il tutto meno intrusivo e semplificandoti la vita.
Una maggiore semplificazione porta inoltre a una maggiore visione d’insieme: grazie alla fatturazione elettronica è possibile generare un report mediante il quale controllare in modo più semplice e immediato la situazione fiscale aziendale su scala annuale, con l’ausilio di grafici intuitivi che ti permetteranno di tenere sotto controllo dati significativi come il fatturato e monitorare lo stato delle fatture (es. pagata / in attesa di pagamento ecc…). Si tratta di uno strumento che permette anche alle persone comuni (liberi professionisti, titolari di aziende) di capire in modo chiaro e immediato qual è lo stato della propria attività, in quale settore sta ottenendo i guadagni più importanti e quali sono invece le aree in cui le spese possono risultare eccessive. Che dire? Un aiuto molto prezioso!
Con la fatturazione elettronica potrai dire addio alle montagne di numeri e scartoffie che ogni giorno richiedono più tempo del necessario se gestite in via cartacea: potrai così investire il tempo risparmiato in attività volte all’ottimizzazione del tuo business grazie a scelte più lungimiranti per il bene della tua azienda. Il 1 gennaio 2019 si avvicina: non lasciarti trovare impreparato.

fatturaelettronica-pa-scopri-quanto-puo-essere-semplice